Home > Voucher e responsabilità solidale in materia di appalti

Voucher e responsabilità solidale in materia di appalti

Decreto-Legge 17/03/2017 n. 25

Titolo: disposizioni urgenti per l’abrogazione delle disposizioni in materia di lavoro accessorio nonché per la modifica delle disposizioni sulla responsabilità solidale in materia di appalti

  • In: GU Serie Generale n. 64 del 17-3-2017
  • Entrata in vigore del provvedimento: 17/03/2017
  • Rettifica in GU Serie Generale n. 66 del 20-3-2017:Nel decreto-legge alla pagina 14, seconda colonna, all’art. 1, comma 1, in luogo delle parole: «1. Gli articoli 48, 49 a 50 del decreto…», sono sostituite da: «1. Gli articoli 48, 49 e 50 del decreto…».

 


Il Consiglio dei ministri, nella seduta del 17 marzo ha approvato il decreto legge volto a sopprimere l’istituto del lavoro accessorio (c.d. voucher) e a modificare la disciplina sulla responsabilità solidale in materia di appalti. In relazione al lavoro accessorio, si prevede un regime transitorio per consentire l’utilizzo, fino al 31 dicembre 2017, dei buoni per prestazioni di lavoro accessorio già richiesti alla data di entrata in vigore del decreto legge. Rispristinata la responsabilità solidale del committente Con riferimento alla disciplina in materia di appalti di opere e servizi, il provvedimento mira a ripristinare integralmente la responsabilità solidale del committente con l’appaltatore nonché con ciascuno degli eventuali subappaltatori, per garantire una miglior tutela in favore dei lavoratori impiegati. In questo modo il referendum convocato per il 28 maggio risulta completamente superato.

 


 

Voucher: Ministero del lavoro, i buoni richiesti alla data di entrata in vigore del Decreto 25/2017 dovranno essere utilizzati, nel periodo transitorio, nel rispetto delle norme previgenti

Il Decreto legge 17 marzo 2017 n. 25, “Disposizioni urgenti per l’abrogazione delle disposizioni in materia di lavoro accessorio nonché per la modifica delle disposizioni sulla responsabilità solidale in materia di appalti”, dispone, al primo comma dell’articolo 1, l’abrogazione degli articoli 48, 49 e 51 del Decreto legislativo n. 81/2015 relativi alla disciplina del lavoro accessorio. Al comma 2 la norma prevede che possano essere utilizzati fino al 31 dicembre 2017 i buoni per prestazioni di lavoro accessorio richiesti alla data di entrata in vigore dello stesso decreto. A tale proposito, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali chiarisce che l’utilizzo dei buoni per prestazioni di lavoro accessorio, nel periodo transitorio sopra ricordato, dovrà essere effettuato nel rispetto delle disposizioni in materia di lavoro accessorio previste nelle norme oggetto di abrogazione da parte del decreto

Condividi

Carica altri contenuti