Home > Norme > Requisiti relativi a operazioni aeree antincendio

Requisiti relativi a operazioni aeree antincendio

 

 

 

Il 17 novembre 2017 è stato adottato il regolamento ENAC «Requisiti relativi alle operazioni aeree antincendio nonché ad aspetti relativi alle operazioni specializzate e non commerciali non compresi nel regolamento (UE) 965/2012»

REGOLAMENTO 17 NOVEMBRE 2017

 

 

 

Con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 50/2014 del 18 novembre 2014, l’ENAC ha approvato l’abrogazione del Regolamento di attuazione degli articoli 789 e 790 del Codice della Navigazione sulla licenza di esercizio di lavoro aereo in quanto in contrasto con i requisiti e le procedure introdotti in materia di operazioni specializzate dal Regolamento della Commissione (UE) n. 379/2014. La nuova normativa europea prevede un regime amministrativo semplificato che supera le suddette disposizioni del codice della navigazione, essendo incentrato su una dichiarazione di capacità dell’operatore e, in presenza di attività ad alto rischio, su una autorizzazione preventiva dell’Autorità nazionale.

Le operazioni aeree antincendio non rientrano nella suddetta disciplina delle operazioni specializzate in quanto, al pari di altri servizi di interesse pubblico nazionale forniti direttamente dallo Stato o svolti sotto il suo controllo e responsabilità (operazioni militari, doganali di polizia, di ricerca e salvataggio, di lotta agli incendi, di guardia costiera), sono escluse dal campo di applicazione della regolamentazione europea.

Nell’esercizio della propria competenza normativa nazionale ciascuno Stato è tenuto ad assicurare, per quanto possibile, la coerenza con gli obiettivi del Regolamento Basico CE n. 216/2008 e delle relative norme di applicazione. Restano sotto il controllo normativo degli Stati membri anche le operazioni svolte con gli aeromobili indicati nell’Annesso II del Regolamento n. 216/2008, tra i quali gli aeromobili di rilevanza storica, amatoriali e quelli impiegati per scopi sperimentali e scientifici.

Si pone pertanto la necessità di una disciplina nazionale ad hoc che, tenendo conto delle peculiarità delle operazioni aeree antincendio e delle operazioni con aeromobili dell’Annesso II, assicuri un livello di sicurezza nello svolgimento di tali attività che sia comparabile a quello previsto per le attività specializzate commerciali regolamentate dalla Unione Europea.

A tal fine il  Regolamento allinea i requisiti degli operatori alla vigente regolamentazione europea delle operazioni di volo e stabilisce procedure amministrative coerenti con il nuovo regime delle operazioni introdotto dal Regolamento della Commissione UE n. 379/2014.

Inoltre, il Regolamento disciplina alcune ulteriori attività affidate alla competenza delle Autorità nazionali dalla normativa europea sulle operazioni di volo.

 

 

Condividi

Carica altri contenuti