Home > Norme > Rating di legalità, pubblicato e in vigore il nuovo regolamento attuativo dell’Antitrust

Rating di legalità, pubblicato e in vigore il nuovo regolamento attuativo dell’Antitrust

Delibera n. 27165 del 15 maggio 2018

 

 

 

 

Cos’è il Rating di legalità

Il Rating di legalità è uno strumento introdotto nel 2012 per le imprese italiane, volto alla promozione e all’introduzione di principi di comportamento etico in ambito aziendale, tramite l’assegnazione di un giudizio sul rispetto della legalità da parte delle imprese che ne abbiano fatto richiesta e, più in generale, sul grado di attenzione riposto nella corretta gestione del proprio business. Al riconoscimento di un sufficiente livello di rating di legalità -convenzionalmente misurato in “stellette” –  l’ordinamento ricollega vantaggi in sede di concessione di finanziamenti pubblici e agevolazioni per l’accesso al credito bancario.

 

 

Entra in vigore il 29 maggio 2018 il regolamento attuativo in materia di rating di legalità.

La delibera 15 maggio 2018 dell’autorità Garante della Concorrenza e del Mercato è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 122 del 28/05/2018.

L’impresa che intende ottenere il rating deve presentare, in via telematica, all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato apposita domanda sottoscritta dal legale rappresentante e redatta mediante compilazione del formulario pubblicato sul sito dell’Autorità. Il valore del rating viene utilizzato per la concessione di finanziamenti da parte delle pubbliche amministrazioni, nonché in sede di accesso al credito bancario.

 

 

Potranno richiedere l’attribuzione del rating le imprese operative in Italia

  • che abbiano raggiunto un fatturato minimo di due milioni di euro nell’esercizio chiuso l’anno precedente alla richiesta di rating, riferito alla singola impresa o al gruppo di appartenenza e risultante da un bilancio regolarmente approvato dall’organo aziendale competente e pubblicato ai sensi di legge
  • che siano iscritte al registro delle imprese da almeno due anni.

Condividi

Carica altri contenuti