Home > Norme > Prestazioni economiche: unioni civili

Prestazioni economiche: unioni civili

 

 

La circolare n. 45 del 13 ottobre 2017 chiarisce che, essendo equiparati i diritti e gli obblighi derivanti dall’unione civile tra persone dello stesso sesso a quelli tra coniugi (art. 1, co. 20, l. 76/2016), si estendono all’unito civilmente i diritti alle prestazioni economiche erogate dall’INAIL a partire dall’entrata in vigore della l. 76/2016.

Precisamente spettano agli uniti civilmente: la rendita ai superstiti, la quota integrativa alla rendita, la prestazione aggiuntiva alla rendita per patologie asbesto-correlate per esposizione ad amianto, l’assegno continuativo mensile, l’assegno una tantum, la prestazione del Fondo di sostegno ai familiari delle vittime di gravi infortuni sul lavoro e la prestazione una tantum prevista dalla legge di stabilità 2016.

In assenza di una espressa previsione normativa che equipara i conviventi di fatto ai coniugi, invece, il convivente non può essere ugualmente beneficiario di prestazioni economiche.

Legge 20 maggio 2016, n.76 “Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze”. Prestazioni economiche.

Condividi

Carica altri contenuti