Home > Norme > Nuova Direttiva con attività a rischio cancerogeno e valori limite

Nuova Direttiva con attività a rischio cancerogeno e valori limite

Nota a cura di Luca Boldrini

 

 

La nuova Direttiva 2019/130 UE oltre a confermare i valori limite di esposizione (VLE) per agenti cancerogeni e/o mutageni già previsti dalla Direttiva 2017/2398 UE e non ancora recepiti nel D.Lgs. 81/2008, prevede:

 

1) l’introduzione nell’allegato I delle seguenti nuove attività ritenute a rischio cancerogeno:

  1. Lavori comportanti penetrazione cutanea degli oli minerali precedentemente usati nei motori a combustione interna per lubrificare e raffreddare le parti mobili all’interno del motore.
  2. Lavori comportanti esposizione alle emissioni di gas di scarico dei motori diesel

 

Per le emissioni di gas di scarico dei motori diesel, agente già indicato come cancerogeno dallo IARC, viene anche introdotto anche un VLE pari a 0,05 mg/m3 che entrerà in vigore a decorrere dal 21 febbraio 2023 ad eccezione delle attività in galleria per cui l’applicazione del limite decorre dal 21 febbraio 2026.

Si raccomanda fin da ora l’adozione di adeguate misure volte a ridurre, per quanto tecnicamente possibile, la presenza di attrezzature con motori diesel in ambienti di lavoro.

 

 

News Studio Boldrini 04/2018 in tema

Partendo dal principio che ‘Per la maggior parte degli agenti cancerogeni e mutageni non è scientificamente possibile individuare livelli al di sotto dei quali l’esposizione non produrrebbe effetti nocivi’ la nuova Direttiva 2017/2398 UE modifica i valori limite di esposizione (VLE) per agenti cancerogeni e/o mutageni (D.Lgs. 81/2008 allegato XLIII).

 

 

In particolare, si segnalano:

 

 

 Agente VLE all.  XLIII/81 Nuovo VLE 2017/2398  
mg/m3(1) ppm (2) mg/m3(1) ppm(2) f/ml (3) Note/ osservazioni
Polveri di legno duro 5 = 2 = = 3 mg/m3 fino al 17 gennaio 2023
Fibre ceramiche refrattarie definite cancerogene Non previsto = = 0,3 =
Polvere di silice cristallina respirabile Non previsto 0,1 = = Frazione inalabile

(1) mg/m3 = milligrammi per metro cubo di aria a 20 °C e 101,3 kPa (corrispondenti alla pressione di 760 mm di mercurio).

(2) ppm = parti per milione per volume di aria (ml/m3).

(3) f/ml = fibre per millilitro.

 

Gli stati membri devono recepire la Direttiva entro il 17 gennaio 2020

 

Condividi

Carica altri contenuti