Home > Norme > Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea

Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea

Legge europea 2017

 

Iter: 10 ottobre l‘Assemblea ha approvato con modifiche il ddl n. 2886. Il testo torna alla Camera dei deputati

Nota di lettura – n. 191

 

 

La legge europea è – assieme alla legge di delegazione europea – uno dei due strumenti predisposti dalla legge n. 234 del 2012 al fine di adeguare periodicamente l’ordinamento nazionale a quello dell’Unione europea.

 

L’articolo 30, comma 3, dettaglia come segue il contenuto della legge europea:

a) disposizioni modificative o abrogative di disposizioni statali vigenti in contrasto con gli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea;

b) disposizioni modificative o abrogative di disposizioni statali vigenti oggetto di procedure d’infrazione avviate dalla Commissione europea nei confronti della Repubblica italiana o di sentenze della Corte di giustizia dell’Unione europea;

c) disposizioni necessarie per dare attuazione a, o per assicurare l’applicazione di, atti dell’Unione europea;

d) disposizioni occorrenti per dare esecuzione ai trattati internazionali conclusi nel quadro delle relazioni esterne dell’Unione europea;

e) disposizioni emanate nell’esercizio del potere sostitutivo esercitabile ex articolo 117, comma 5, della Costituzione per l’attuazione ed esecuzione degli accordi internazionali e degli atti dell’Unione europea al livello regionale e delle province autonome di Trento e Bolzano in caso di inadempienza degli enti competenti. Peraltro l’articolo 41 detta principi e limiti cui è sottoposto tale potere sostitutivo.

Vengono, dunque, inserite nel disegno di legge europea, in linea generale, norme volte a prevenire l’apertura, o a consentire la chiusura, di procedure di infrazione, nonché, in base ad una interpretazione estensiva del disposto legislativo, anche norme volte a permettere l’archiviazione dei casi di pre-contenzioso EU Pilot (su cui infra).

La legge di delegazione europea contiene invece disposizioni per il conferimento al Governo di deleghe legislative per il recepimento degli atti dell’Unione europea (ad esempio direttive o decisioni quadro) che richiedono trasposizione negli ordinamenti nazionali (articolo 30, comma 2).

 

 

Il disegno di legge europea 2017, come modificato dalla Camera dei deputati, si compone di 30 articoli che modificano o integrano disposizioni vigenti dell’ordinamento nazionale per adeguarlo al diritto europeo. L’articolato contiene disposizioni di natura eterogenea che intervengono, tra l’altro, nei seguenti ambiti settoriali: libera circolazione delle merci; giustizia e sicurezza; fiscalità; lavoro; tutela della salute; tutela dell’ambiente; energia.

Rilevano, in particolare, gli articoli volti a consentire l’archiviazione di tre procedure di infrazione pendenti nei confronti dell’Italia (articoli 6, 7 e 12) e quelli finalizzati a superare le contestazioni mosse all’Italia nell’ambito di otto casi EU-Pilot (articoli 4, 5, 8, 10, 11, 14, 16 e 18)

Condividi

Carica altri contenuti