Home > Media e News > Nuovo Codice appalti. Decreto correttivo. Parere

Nuovo Codice appalti. Decreto correttivo. Parere

 

Fonte: lavoripubblici.it

 

Dopo i pareri del Consiglio di Stato e della Conferenza unificata sul Nuovo Codice appalti arrivano (6 aprile 2017) i pareri delle due commissioni parlamentari competenti (VIII Camera e 8ª Senato) sul decreto correttivo al Codice dei contratti di cui al d.lgs. n. 50/2016 e negli stessi viene espressamente affermato che “alcune delle modifiche proposte potrebbero risultare non pienamente compatibili con i criteri della legge delega n. 11 del 2016, per cui appare opportuna, a seconda dei casi, una loro soppressione o ridefinizione” ed i casi che vengono individuati sono quelli:

  • dell’appalto integrato per il quale si ipotizza un ampliamento eccessivo del ricorso all’appalto integrato, laddove la legge delega n. 11/2016 all’articolo 1, comma, 1, lettera oo) richiede una limitazione radicale di tali possibilità;
  • del subappalto in cui le modifiche introdotte non appaiono coerenti con l’articolo 1, comma 1, lettera rrr) della legge delega n. 11/2016 che prevede l’espressa individuazione dei casi specifici in cui vige l’obbligo di indicare, in sede di offerta, una terna di nominativi di subappaltatori per ogni tipologia di attività prevista in progetto;
  • in materia di affidamenti dei concessionari autostradali in cui la modifica proposta dall’articolo 97, comma 1, lettera a), dello schema, che interviene sull’articolo 177, comma 1, del codice, alterando il rapporto percentuale, ivi previsto, tra i contratti di lavori, servizi e forniture da affidare con procedura ad evidenza pubblica e quelli eseguibili direttamente da parte dei concessionari autostradali è “certamente in violazione della legge delega” n. 11/2016 (articolo 1, comma 1, lettera iii)).

 

  • SCARICA IL PARERE DELLA COMMISSIONE VIII del 6 aprile 2017 sul Nuovo Codice appalti

Condividi

Carica altri contenuti