Home > Gancio della gru malfunzionante e infortunio mortale: ruolo di un coordinatore per l’esecuzione. Responsabilità per il controllo quotidiano del corretto funzionamento. Non sussiste

Gancio della gru malfunzionante e infortunio mortale: ruolo di un coordinatore per l’esecuzione. Responsabilità per il controllo quotidiano del corretto funzionamento. Non sussiste

Cass. Sez. IV Pen. del 16 luglio 2015 n. 31015

 

 

SCARICA LA SENTENZA con massima di Rolando Dubini

 

All’imputato, quale coordinatore per l’esecuzione dei lavori, è stato contestato di avere omesso di verificare l’applicazione, da parte della ditta esecutrice dei lavori, delle disposizioni pertinenti contenute nel piano di sicurezza e coordinamento in violazione dei doveri su di lui incombenti; nel caso di specie, aveva omesso di controllare l’efficienza del gancio della gru, con la conseguenza che l’operaio impegnato nei lavori del cantiere edile veniva colpito a morte dallo sganciamento tra due catene di numerosi cavalletti che costituivano il carico della gru, da lui manovrata in quanto il relativo gancio risultava difettoso e/o mal funzionate al suo imbocco. Responsabilità per il controllo quotidiano del corretto funzionamento. Non sussiste.

Condividi

Carica altri contenuti