Home > Efficienza energetica. Decreto “certificati bianchi”

Efficienza energetica. Decreto “certificati bianchi”

Decreto 11/01/2017

  • Autorità emanante: Ministero dello Sviluppo Economico
  • Provvedimento: Decreto 11 gennaio 2017
  • Titolo: Determinazione degli obiettivi quantitativi nazionali di risparmio energetico che devono essere perseguiti dalle imprese di distribuzione dell’energia elettrica e il gas per gli anni dal 2017 al 2020 e per l’approvazione delle nuove Linee Guida per la preparazione, l’esecuzione e la valutazione dei progetti di efficienza energetica (certificati bianchi)
  • In: GU Serie Generale n. 78 del 3-4-2017

 

Il decreto dà attuazione a quanto previsto dall’articolo 7 del D.Lgs. 102/2014 che prevede l’aggiornamento delle Linee Guida per il meccanismo dei Certificati Bianchi e la fissazione degli obiettivi e degli obblighi di risparmio per il periodo 2017-2020 per le imprese di distribuzione di energia elettrica e gas.

In particolare stabilisce i criteri, le condizioni e le modalità di realizzazione dei progetti di efficienza energetica negli usi finali, per l’accesso al meccanismo dei Certificati Bianchi.

 

Il meccanismo dei Certificati Bianchi, introdotto con i decreti ministeriali il 24 aprile 2001, si configura come un regime obbligatorio di risparmio di energia primaria, posto in capo ai distributori di energia elettrica e gas naturale con più di 50.000 clienti.

I soggetti obbligati possono adempiere al proprio obbligo realizzando progetti in proprio o acquistando i Certificati Bianchi sul mercato gestito dal Gestore dei Mercati Energetici (GME) o, ancora, attraverso contratti bilaterali. I risparmi energetici che danno diritto a ricevere i Certificati in esame sono calcolati al netto dei risparmi non addizionali, cioè di quei risparmi che si sarebbero comunque ottenuti per effetto dell’evoluzione tecnologica o di altri fattore esterni.

Condividi

Carica altri contenuti