Home > AIAS Professional Comunity (APC) > APC Prev. incendi > TUPI. Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi > Assoggettabilità delle sorgenti radiazioni mobili al regolamento di Prevenzione Incendi

Assoggettabilità delle sorgenti radiazioni mobili al regolamento di Prevenzione Incendi

Nota prot. n. 11973 del 05/10/2016

 

La nota chiarisce che per le pratiche ricomprese all’art. 27, comma 1bis, del D. Lgs. 230/1995 – relative alle sorgenti di radiazioni mobili, essendo assoggettate all’obbligo di nulla osta, devono essere anche attivate le procedure tecnico autorizzative previste dal Regolamento di prevenzione incendi (D.P.R. 151/2011), presso il Comando provinciale dei vigili del fuoco territorialmente competente sulla sede operativa primaria del titolare del nulla osta, come previsto al n. 58 dell’Allegato I al D.P.R. 151/2011, relativo alle attività soggette alle visite e ai controlli di prevenzione incendi.
Inoltre, con riguardo alla fase di valutazione del progetto e la SCIA ex D.P.R. 151/2011, la nota chiarisce che devono essere descritte le principali misure di sicurezza antincendio adottate presso le sedi dove sono detenute e utilizzate le sorgenti di radiazioni mobili e che il comando provinciale dei vigili del fuoco può richiedere al responsabile dell’attività l’obbligo di invio della notifica preventiva.
Infine, con riferimento al caso in cui dette sorgenti di radiazioni sono impiegate presso ditte terze, la nota ricorda che il responsabile della ditta terza è tenuto ad aggiornare la valutazione del rischio incendio della propria attività in conseguenza del rischio aggiuntivo introdotto dalla presenza non occasionale di sorgenti di radiazioni ionizzanti

 

Clicca qui per leggere la nota prot. n. 11973 del 05/10/2016 recante “Assoggettabilità all’attività n. 58 dell’Allegato I del D.P.R. 151/2011, per sorgenti di radiazioni mobili (art. 27 co. 1 bis del D.lgs. 230/95 e s.m.i.)

 

 

Condividi

Carica altri contenuti