Home > QNA 13 v. 2018 DVR INCLUSIVO | GT P06 – DVR

QNA 13 v. 2018 DVR INCLUSIVO | GT P06 – DVR

COME “FARE LA DIFFERENZA” VALORIZZANDO LA GESTIONE DELLA VARIABILITÀ UMANA

 

Pubblicata il nuovo quaderno del networkaias dedicato alla gestione della variabilità umana nella stesura del DVR

 

il QNA 13 si propone come strumento operativo, per favorire una metodologia di approfondimento nella valutazione dei rischi SSL e una corretta applicazione di quanto ci spinge a considerare il D.Lgs. 81/2008: tenendo in gran considerazione la variabilità umana, con le sue “differenze” (di genere, di età, di etnia ecc.).

 

Il presente documento propone un modo più articolato per gestire la complessità delle azioni umane e il controllo del rischio legato all’uso di ambienti sociofisici, prodotti, sistemi presenti nei luoghi di lavoro, con l’obiettivo di generare benessere (well-being), inclusione sociale, equità e pari opportunità.

 

In particolare questo Quaderno ha lo scopo di guidare nel tener conto, nella valutazione dei rischi SSL:

  • delle specificità dovute al genere, all’età, alla provenienza, alle diverse abilità proprie dei portatori di handicap fisici o mentali, e alle diverse caratteristiche e sensibilità psicofisiche e/o di educazione e formazione e informazione (e cioè, in generale, nel tener conto della variabilità umana, come detto).
  • delle diversità e specificità dovute alle varie tipologie contrattuali gestite in azienda (dipendenti, co.co.co, somministrati, alternanza scuola-lavoro, tirocini, lavoratori e lavoratrici autonomi / partite iva e consulenti) o contratti atipici privi di ammortizzatori sociali che possano alleviare la perdita di un impiego.

 

 

Come scaricare il documento

Sei un nostro associato? una volta loggato sul sito  clicca qui   per scaricare il documento.

Il presente documento è scaricabile gratuitamente per i soci AIAS in regola con l’adesione.

 

 

 

Indice del documento

  • 1 – PREMESSA
  • 1.1 Scopo
  • 1.2 Introduzione e sintesi
  • 1.3 Documenti di riferimento

 

  • 2 – LA DIVERSITY COME VALORE NELLA SOCIETA’ E NELL’ ORGANIZZAZIONE POSTINDUSTRIALE
  • 2.1 Premessa
  • 2.2 Il valore delle diversity nella società e nell’organizzazione postindustriale
  • 2.2.1 La società e l’organizzazione postindustriale
  • 2.2.2 La diversity come metodo
  • 2.2.3 La cultura organizzativa: etica per interesse
  • 2.2.4 Una leva strategica
  • 2.2.5 Solidarietà e soddisfazione
  • 2.2.6 Laboratori di convivenza

 

  • 3 – PROPOSTA PER UNA VALUTAZIONE DEI RISCHI “inclusiva”
  • 3.1 L’esigenza di partenza: passare da un’indicazione di legge all’espressione di un fattore culturale
  • 3.2 DVR inclusivo. Come farlo? Qualche considerazione, da professionista a professionista, da persona a persona: come esprimere un cambiamento culturale?
  • 3.3 L’importanza di essere onesti con sé stessi
  • 3.4 Istruzioni per l’uso

 

  • 4 – APPENDICE
  • 4.1 Istruzioni per l’uso
  • 4.2 Liste di controllo
  • 4.2.1 Lista di controllo per la raccolta dati e informazioni
  • 4.2.2 Lista di controllo delle informazioni preliminari per la rappresentazione della forza lavoro
  • 4.3 Schede dei fattori di rischio e delle possibili misure di prevenzione e protezione
  • 4.3.1 Scheda 1 – Ambienti – Architettura
  • 4.3.2 Scheda 2 – Vie di esodo
  • 4.3.3 Scheda 3 – Gestione delle emergenze
  • 4.3.4 Scheda 4 – Pavimenti
  • 4.3.5 Scheda 5 – Scale
  • 4.3.6 Scheda 6 – Servizi igienico-assistenziali
  • 4.3.7 Scheda 7 – Scalei e Scale portatili
  • 4.3.8 Scheda 8 – Lavoro in quota
  • 4.3.9 Scheda 9 – Mezzi di trasporto-Guida
  • 4.3.10 Scheda 10 – Macchinari-Attrezzature-Utensili
  • 4.3.11 Scheda 11 – Movimentazione meccanica
  • 4.3.12 Scheda 12 – Postura
  • 4.3.13 Scheda 13 – Movimenti ripetuti
  • 4.3.14 Scheda 14 – Movimentazione manuale dei carichi
  • 4.3.15 Scheda 15 – Rumore
  • 4.3.16 Scheda 16 – Vibrazione meccanica-Intero corpo
  • 4.3.17 Scheda 17 – Vibrazione meccanica-Mano-braccio
  • 4.3.18 Scheda 18 – Radiazioni Ottiche artificiali
  • 4.3.19 Scheda 19 – Campi elettromagnetici
  • 4.3.20 Scheda 20 – Radiazioni UV
  • 4.3.21 Scheda 21 – Microclima
  • 4.3.22 Scheda 22 – Agenti chimici
  • 4.3.23 Scheda 23 – Agenti biologici – Rischio specifico
  • 4.3.24 lavoratrici Scheda 24 – Agenti biologici – Rischio generico
  • 4.3.25 Scheda 25 – Lavoro con videoterminale
  • 4.3.26 Scheda 26 – Orario di lavoro – Turni
  • 4.3.27 Scheda 27 – Lavoro notturno
  • 4.3.28 Scheda 28 – Stress lavoro correlato
  • 4.3.29 Scheda 29 – Tecno Stress lavoro correlato
  • 4.3.30 Scheda 30 – Spazi confinati
  • 4.3.31 Scheda 31 – Lavoro in solitaria
  • 4.3.32 Scheda 32 – Aggressione fisica
  • 4.3.33 Scheda 33 – Aggression verbale
  • 4.3.34 Scheda 34 – Stress vocale
  • 4.3.35 Scheda 35 – Gestione operativa emergenze

 

Dettagli del documento

Autori: G. Palagi (Coordinatore), M. Alvino, G. Angelico, C. Esposito, G. Grassi, L. Rissotti, C. Spampinato.
Dimensioni file: 1.5 MB
Lunghezza: 64 pagine Formato: PDF

Condividi

Carica altri contenuti